Continua la battaglia di Italia dei Valori sui costi della politica. Grazie ad un mio emendamento la legge Finanziaria ha previsto la possibilità di sopprimere i Consorzi di Bonifica ed i Consorzi BIM (Bacini Imbriferi Montani).

Si tratta di centinaia di enti presenti in tutta Italia, istituiti 70 anni fa, e che svolgono funzioni la cui competenza è oggi assegnata dalla Costituzione alle Regioni. Molti Consorzi di bonifica hanno apparati elefantiaci (anche 35 consiglieri d'amministrazione, 5 componenti di Giunta, un Presidente), che costano ad agricoltori e cittadini (in molti casi corsi d'acqua e canali sono oggi inglobati nelle città) poiché i consorziati sono obbligati a pagare un contributo. Spesso hanno un direttore generale, remunerato anche con 250 mila Euro all'anno ed i consorziati, che sono numerosi, non hanno alcuna possibilità di controllare le spese ed incidere su di esse. Entro la fine dell'anno in ogni caso le Regioni dovranno ridurre i Consiglieri a 3. Potranno inoltre, di concerto con lo Stato, sopprimere o riordinare i Consorzi, ma non potranno chiedere contributi ai consorziati se non nei limiti delle pure spese sostenute per i compiti istituzionali (oggi ne svolgono anche altri e diversi). Ho subito pressioni durissime e trasversali, perchè si tratta di strutture molto appetibili a fini clientelari. Hanno persino tentato con il decreto di fine anno di abolire gli articoli introdotti nella legge finanziaria e di togliere la possibilità della loro soppressione. La scorsa settimana, in sede di esame in Commissione Bilancio, sono riuscito tuttavia a farla reintrodurre nel decreto e mi auguro che non vi siano nuovi colpi di mano. Continua la battaglia di Italia dei Valori per la riduzione dei costi della politica e degli sprechi e sono orgoglioso di essere parte attiva di questa giusta lotta.

 

Commenti   

#7 giovaaimonti 2008-01-24 19:39
Condivido ogni tua iniziativa perchè sei smpre coerente e fedele ai valori che condivido dal Palavobis del 2001 all'ultimo meeting di Vasto, non mollare mai
un solare saluto a tutti :-
#6 scout 2008-01-23 19:25
Sono totalmente d'accordo. Era ora ma ora bisogna seguire l'iter perchè siano veramente soppressi perchè molti faranno di tutto per non applicare la decisione. Troppi interessi da destra a sinistra sugli enti inutili.
#5 Costantini 2008-01-23 16:03
Bravissimo!
Sono queste le azioni che permettono ai cittadini di capire e sperare che qualcosa (tanto) si può fare davvero.
#4 gius.lanfranchi 2008-01-23 12:36
Purtroppo abbiamo, noi sani contribuenti, troppi parassiti da mantenere. Gli enti parassiti succhiasangue sono troppi e MAI nessuno è riuscito a smantellarne qualcuno. C'è ad esempio l'Ente per la tutela e manutenzione del Pantheon con una pletora di dirigenti e addetti da pagare che gravano parassitariamente sul bilancio. Basterebbe accorparlo ad una qualsiasi Sovrintendenza per risparmiare tutti quei soldi buttati!! E non solo....!!! Quanti Enti e Consorzi di Bonifica capaci solo di "bonificare" le nostre tasche!!!! Non possono essere toccati perchè creano voti di scambio; l'esempio tipico e più recente è quello di Mastella e Co. che in Campania facevano incetta di poltrone nei vari enti pubblici. Se L'Italia dei Valori riuscirà a portare avanti la sana idea della moralizzazione e del risanamento economico, riceverà, come sta già ricevendo, i consensi di coloro che, dotati di spirito critico, sanno valorizzare questo tipo di operato che va a beneficio della collettività. Buon lavoro!!
#3 claudiacolt 2008-01-23 12:34
E' logico essere d'accordo nell'eliminare spese in fondo superflue , soldi che si danno per comprarsi voti o qualcosa del genere. Credo pero' che per cambiare l'Italia non basti solo la buona volonta' di pochi, e a voi e a Di Pietro la riconosco in pieno, ma bisognerebbe cambiare gli italiani e la loro assuefazione alla istituzionalizzazione dei comportamenti non solo scorretti ma criminosi.Io credo che se avessimo una bacchetta magica dovremmo elìminare tutti i politici , i loro discendenti che sono stati educati da loro con i loro stessi principi e tutti coloro che negli anni passati li hanno imitati e rimarremmo solo in pochi fessi arrabbiati e delusi e i nostri figli che abbiamo "rovinato" impedendogli di vivere avendoli educati con principi che per noi erano e purtroppo sono ancora sani
#2 Sabrina Di Napoli 2008-01-23 12:33
Onorevole, grazie per quello che fa ma non dovremmo essere molti di più, trasversalmente, a porci il medesimo obiettivo?
le risorse vanno concentrate là dove ha senso concentrarle al fine di perseguire idonee politiche di sviluppo.

Facciamo passare il messaggio che la lotta allo sperpero non è campagna politica. Il problema è che se disperdiamo in mille rivoli senza senso il denaro pubblico, scialacquiamo risorse che andrebbero indirizzate ad ottenere dei vantaggi che potrebbero moltiplicare i loro effetti positivi per la collettività.

L'assunzione di responsabilità che si vuole dalla politica è questa. Obiettivi di politica indirizzata a far star meglio tutto il paese.

Siamo tutti con lei, se lei è con noi.
#1 ghilardi 2008-01-23 11:49
Egr. Dr Borghesi , l 'intenzione è ottima , sul risultato effettivo ho qualche dubbio . Le regioni " potranno " sopprimere i consorzi , Lei crede veramente che lo faranno ? Mi pare la solita legge italiana che contiene in se tutto ed il contrario di tutto .
Saluti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.