L’ultima Legge finanziaria grazie ad emendamenti di Italia dei Valori prevede importanti interventi per la riduzione dei costi della politica. Fra gli altri quelli che riguardano le Comunità Montane, le Circoscrizioni nelle città e gli amministratori locali. Complessivamente queste misure porteranno ad un risparmio annuo previsto di circa 435 milioni di Euro all’anno.

Le Regioni dovranno entro sei mesi procedere al riordino delle Comunità Montane riducendone il loro numero, quello dei loro amministratori e delle loro indennità. Se le Regioni non vi provvedono saranno soppresse per legge le Comunità che non corrispondono a precisi criteri altimetrici (oggi ci sono Comunità Montane i cui territori sono prevalentemente a livello del mare!). In pratica il numero delle Comunità dovrebbe dimezzarsi, con un risparmio previsto di circa 70 milioni di Euro all’anno.

D’ora in avanti le Circoscrizioni saranno obbligatorie solo nelle città con più di 250.000 abitanti (13 in tutto) e facoltative in quelle tra 100.000 e 250.000 (29 in tutto), ma in questo caso ogni circoscrizione dovrà avere almeno 30.000 abitanti (per cui vi saranno al massimo 104 circoscrizioni). Attualmente le circoscrizioni (che poteva essere istituite anche in comuni di 30.000 abitanti!) sono circa 750: si ridurranno a meno della metà, con un risparmio previsto di circa 50 milioni di Euro all’anno.
Per quanto riguarda gli amministratori locali, le giunte delle città con più di 100.000 abitanti e delle province con più di 1.4000.000 abitanti non potranno avere più di 12 assessori: 85 comuni e 5 province dovranno per ciò ridurne il numero. Le indennità dei Consiglieri di Comuni e Province e delle loro forme associate (unioni di comuni, consorzi e comunità montane) si ridurranno e non potranno superare mensilmente un quarto dell’indennità del sindaco o Presidente di provincia. Si ridurranno anche i loro rimborsi spese in caso di missione. Ne risulterà un risparmio annuo previsto di circa 315 milioni di Euro all’anno.
Complessivamente dunque queste misure porteranno ad un risparmio annuo previsto di circa 435 milioni di Euro all’anno. Tutto questo è stato possibile grazie alla presentazione dei disegni di legge di Italia dei Valori sui costi della politica, che si sono tradotti in conseguenti emendamenti in sede di discussione della Legge finanziaria 2008.
Essendo stato colui che, per conto di Italia dei Valori, ha dovuto difendere queste nostre richieste in Commissione Bilancio, sono particolarmente orgogliosi del risultato raggiunto.
Sempre più si cominciano a sentire gli effetti della presenza di Italia dei Valori in Parlamento.

Commenti   

#3 massimo.ancona 2008-01-11 12:10
Complimenti!, Sono d'accordo su quanto approvato. Propongo che, alla prima occasione utile, l'IDV faccia una proposta di Legge (o DL) per ridurre almeno dell'80% le consulenze (anche negli Enti Locali e Centrali, INPS, ANAS, ENAC, etc.). Inoltre, in sede di revisione costituzionale, anche l'abolizione delle Provincie (con suddivisione tra Regione e Comune delle relative competenze), nonchè la trasformazione delle Regioni a Statuto Speciale in Regioni a Statuto Ordinario, perchè ormai le ragioni della loro esistenza sono state superate dai tempi (e comunque si va verso il federalismo fiscale).
#2 Andrew 2008-01-11 09:49
Ora speriamo che gli interventi vengano applicati localmente... a parte quelli di IDV e pochi altri esempi mi sembrano tutti molto restii a mollare la "carega". :-)
#1 claudiacolt 2008-01-11 07:33
Ottimo , era ora che qualcuno pensasse a ridarci almeno una parte dei nostri soldi buttati al vento.E' gia' un buon inizio per ridarci una parte della perduta fiducia nei politici. Vi considero i migliori e avevo gia' deciso di votarvi alle prossime elezioni ma solo se non andate con Forza Italia

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.