(Questo post è dedicato a chi un anno fa mi ha prolungato la vita)








Egregio Signor Grillo
Chi Le scrive e' un malato di tumore,"cliente" di quel Veronesi, affarista, che fonderebbe la sua fortuna sui malcapitati come il sottoscritto.
Sono in politica da abbastanza anni per riconoscere la demagogia al suo primo vagito, ma non abbastanza per compatire la imbecillaggine al suo punto di morte. La vostra credibilità versa infatti in uno stato di coma da mesi, da quando siete stati costretti a mettere i fatti al posto delle parole; ed in questo caso non e' servita alcuna prevenzione né diagnosi precoce per evitare questa agonia in cui soffoca un movimento nato per rivoluzionare le istituzioni e finito per ridicolizzare la rivoluzione.

Non sarò certo io a difendere l'impresa del professor Veronesi, ma sento l'obbligo morale di testimoniarne la distanza concettuale prima che etica dalla mirabolante battuta con cui Lei ha pensato questa volta di fare audience; audience, non consenso. E' accanimento terapeutico mero il sarcasmo, delirante e patetico, per suscitare qualche reazione vitale da un corpo politico ormai assuefatto a qualsiasi oppiacea strampaleria.

Se le scie chimiche ci avevano divertito, come i microchip e tutti i complotti vari, la compulsione allo scandalo ed il dileggio delle autorità ci hanno infastidito: la mancata concretezza delle proposte, unitamente all'inconsistenza delle prospettive, avrà pure finanziato il microcredito delle aziende che Casaleggio vorrà consorziare grazie al giroconto della vostra casta, ma al contribuente italiano e' costato un governo Letta più un governo Renzi, per un totale di ... % di pressione fiscale aggiuntiva.

Ci sono invece studi solidi e ricerche ostinate che impiegano soldi pubblici in progetti internazionali, in centri di cura, in formazione all'avanguardia. I soldi pubblici poi allarmano su rischi mortali, informano su come evitarli, ed infine motivano la forza di vivere.

Infine i soldi pubblici pagano diagnosi precoci a tutti, curano malattie incurabili a tutti, e aiutano a morire con dignità. Tutti. Non gli amici a 5 Stelle.

A questo servono i soldi "del professore Veronesi" e "dello IEO": a darmi per il momento quell'anno di vita che nessuno mi dava, che a Lei serve per imbrogliare la vita, a me per accettare la morte.

Che temo, che non voglio, che combatto grazie a quei raggi che hanno fatto "la ricchezza" di chi combatte al mio fianco.

Lei e i suoi determinati combattenti a cosa servite invece, se non a sbraitare fiumi di parole che arricchiscono solo una nuova casta, quella dell'antipolitica?

Commenti   

#7 robbiej 2015-05-12 16:14
é inutile nasconderci dietro un dito, siamo tutti adulti e vaccinati. quante sono per esempio le case farmaceutiche indagate per questo o quel motivo? Una esagerzione? Chi mi dice che la teoria tanto discussa del Prof. Di Bella non sia stata boicottata proprio perché alle spalle non aveva quelle lobbies che in questo paese di merda spesso e volentieri servono se vuoi arrivare allo scopo? mi spiace, ma io non credo più a nulla. l'augurio che mi faccio sempre è di non ammalarmi, perché di questa pseudo sanità non mi fido. sopratutto dei grandi professoroni, che dall'alto della loro esperienza, danno sempre e tutto per scontato
#6 robbiej 2015-05-12 15:56
Mi riferisco al blogger e all'autore del post (a tal proposito le consiglio un E.E.G.).
Partiamo dal presupposto che se il prof. Veronesi fosse un fenomeno, nessuno morirebbe più di cancro. Per una vita salvata (la sua) ce ne sono migliaia che non ce l'hanno fatta (come la mettiamo?!). Ma non è questo il punto. Il punto sta nella sua ottusa interpretazione, probabilmente dettata da contrapposizioni politiche, e magari anche da un cervello leggermente obnubilato, dal significato delle parole del filmato di Beppe Grillo. Ma è chiaro, non avendo altri argomenti, voi, incapaci politici di professione, vi attaccate a tutto pur di avere un attimo di notorietà. Per quando riguarda l'augurare un tumore ad una persona è di uno squallore più unico che raro. Credo di debba vergognare e come minimo scusarsi.
#5 Lallo 2015-05-12 14:58
Antò ... stai sereno
#4 Erix 2015-05-11 20:15
Fra lei e Boldrin la faziosità si elergisce a piene mani. E' con curriculum come il suo che i suoi colleghi hanno portato l'Italia nella cloaca in cui sta. Quindi, dall'alto delle vostre prosopopee, munitevi di un po' di umiltà ed ascoltate, forse apprenderete qualcosa.
#3 zero 2015-05-11 16:40
Se lei ha un tumore i politici sono onesti, questa si chiama macchina del fango! Cosa che vi riesce molto bene. In più le posso dire e trova riscontro online che il prof veronesi a sostenuto che gli OGM e polveri sottili dello scarico auto NON provocano tumori, ma che sono pericolose la farina di polenta il mais e il basilico! Però mai sentito nessuno che si è ammalato di tumore da polenta!
#2 zero 2015-05-11 16:40
Se lei ha un tumore i politici sono onesti, questa si chiama macchina del fango! Cosa che vi riesce molto bene. In più le posso dire e trova riscontro online che il prof veronesi a sostenuto che gli OGM e polveri sottili dello scarico auto NON provocano tumori, ma che sono pericolose la farina di polenta il mais e il basilico! Però mai sentito nessuno che si è ammalato di tumore da polenta!
#1 Alessandro Blu 2015-05-11 16:18
Caro sig. Borghesi,
se lei fosse davvero un malato di cancro dubito che lo augurerebbe a qualcuno e se - nonostante la sa esperienza - arriva a farlo ugualmente vuol dire che ciò che le è accaduto non le ha insegnato un bel nulla.

La invito prima di sparacchiare sentenze a nome solo non suo - come si evince dal "la compulsione allo scandalo ed il dileggio delle autorità ci hanno infastidito" evidente segno del fatto che si ritenga un oracolo e non un cittadino che esprime semplicemente una personale opinione - a sentire l'intero intervento di Grillo [http://www.donotlink.com/framed?703316].
Quello che dice è di assoluto buon senso e non c'è nulla di che scandalizzarsi.
Che il Prof. Veronesi sia diventato più un brand che solo un illustre patologo e cosa altrettanto risaputa.

Trovo spregevole il titolo della sua invettiva e risibile il contenuto, mi dispiace per il suo problema ma ciò non toglie che se dovessi giudicarla solo dalle sue deliranti parole non avrei di lei un'opinione superiore di quella che lei con eccessiva sicumera sembra avere di Grillo.

Giusto per fugarle ogni dubbio le dico che mia moglie ha avuto due carcinomi mammari nel giro di 3 anni, quindi le evito eventuali inutili considerazioni sulla mia eventuale "ignoranza" in materia.

Mi stia bene

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.