Sono intervenuto oggi a Tgcom24.

Si è parlato ancora del caso Maruccio e della Regione Lazio, dei provvedimenti del governo per ridurre l'autonomia delle Regioni sulle spese, delle infiltrazioni mafiose nella politica dopo l'arresto dell'Assessore alla Casa della giunta Formigoni in Lombardia, dell'anagrafe patrimoniale degli eletti e della proposta di mettere on line le candidature prima che siano definitive.

Commenti   

#8 grazanel 2012-10-12 23:57
No On. ho fatto confusione io, volevo dire che non è del sud, e quatificare se ne ha il tempo di farlo e verificare la provenienza degli onorevoli e senatori attualmente in carica.
Come Le ripeto se ci fossero le regioni autonome o maxi regioni non verebbero votati certi parlamentari. Io sono stato in servizio al meridione ed ho visto come vengono fatte le votazioni e come vengono acquisiti i voti. In sostanza bisogna essere tutti padroni a casa propria, io penso che questa sia democrazia e non come loro la giudicano razzismo nordista. I suoi interventi Sen. Borghesi li ho seguiti, ed ho visto cosa ha fatto la Lega, e i partiti di centro sinistra, i quali predicasno bene ma razzolano male. Io sarei propenso ad un default totale, mettere in mano il Governo ai Militari con un Governo tecnico e tutti i parlamentari in carica e quelli espulsi, devono essere processati per alto tradimento.
Aver ridotto l'Italia in queste condizioni non sono stati i cittadini, ma gente come Craxi e Berlusconi, e tutto o quasi il loro seguito.
Con Osservanza
Graziano
#7 Antonio Borghesi 2012-10-12 12:06
A Grazanel
Non so cosa intenda dire che non sono del Nord ma vivo al Nord. Sono nato a Bolzano e vivo a Verona da più di 40 anni!
Nel merito Idv é l'unico partito di opposizione che ha votato la legge quadro sul federalismo, perché crediamo che un federalismo vero serva a mettere gli amministratori di fronte alle loro responsabilità.
Solo 60 deputati su 630 hanno acconsentito alla pubblicazione sul sito della Camera della loro situazione patrimoniale. Tra essi tutti i deputati di Italia dei Valori.
Stiamo per avviare la raccolta delle firme per due referendum sui costi della politica: abolizione dei rimborsi elettorali ai partiti e abolizione della diaria ai parlamentari.
Sono solo alcune delle tante iniziative e proposte di legge che abbiamo presento in questi anni.
#6 grazanel 2012-10-12 02:35
Io mi voglio rivolgere a tutti coloro che hanno a cuore questa Italia che sta collassando. Questa sera ho sentito la TV annunciare che la casta dei poteri forti non si vuole diminuire gli stipendi, hanno detto che è \"discriminante". Avete capito bene è discriminante diminuire gli stipendi dei super dipendenti pubblici ITALIANI.
Bene io sono stato e sarò sempre un App. dei Carabinieri, però ho capito solo una cosa che chi rovina l\'Italia sono solo i dipendenti pubblici a qualsiasi livello essi siano collocati, in quanto in questa povera Italia mai nessuno a mai comandato tanto come la classe MERIDIONALE d\'Italia. Mi spiego meglio, io ho 65 anni, non ho mai visto in vita mia un prefetto di Belluno che fosse nato a Belluno, lo stesso lo dico per Treviso. Le forze dell\'Ordine sono per la maggior parte del meridione, lo stesso lo sono i dipendenti pubblici in genere, compreso Equitalia (ultima arrivata al Nord). Lo stesso lo sono quelli che hanno dichiarato che dicono diminuirsi lo stipendio è \"discriminante"tutti sono di origine MERIDIONALE.
Se 2+2 è = a 4 lo stesso è quello che penso io, la Casta è meridionale, ed è quella che detta le regole, pertanto caro Onorevole Lei che vive al Nord ma non è del NORD si metta una mano sulla coscienza ed esamini quello che ho detto è vero? Non è vero che la maggior parte dei Politici Italiani al potere di comando sono del SUD?
E per quale motivo non gradite la separazione del Veneto?
Oppure in alternativa una maxi regione autonoma del Nord ? E\' giusto che la Sicilia che non paga alcun balzello allo Stato Italiano faccia quello che vuole con i nostri denari?
E\' Giusto che un presidente della Repubblica percepisca oltre 50 mila euro al mese che per vivere ne bastano meno della metà ? Pero non si accorge che la sua regione di origine è piena di delinquenti e spende milioni dei cittadini ITALIANI cioè anche noi Veneti, di euro per mandare l\'immondizia in Germania, pero indica al popolo del NORD che la Padania non esiste, e da li cominciano le verifiche della GdF a Cortina e in tutto al Nord, all\'ora la volete voi la guerra, volete che le FF. OO. si ribellino contro il potere imposto da una banda di politici ladroni.
Se questo Vi soddisfa posso vedere quello che posso fare alla mia età.
Non vedo per quale ragione devo credere al vostro partito, se non ponete in essere i suggerimenti dei cittadini.
Saluti dal Veneto
#5 albert.z 2012-10-11 21:54
https://www.facebook.com/note.php?note_id=10150595513234241
#4 albert.z 2012-10-11 21:53
7) Il Senato dei cittadini avrà 120 membri, estratti a sorte, tra i cittadini che non sono mai stati eletti, e non sono candidati a organi elettivi, con una preparazione culturale di diploma di Scuola media superiore o laurea, età compresa tra 35 anni e 76 anni, con fedina penale pulita e che non posseggono quote di società televisive, o giornali, superiori al 5% e che hanno mandato la richiesta all'Ufficio elettorale del Comune per le opportune verifiche, corredata dai dati e sottoscritta da almeno 30 cittadini. I nomi che ne hanno diritto saranno inviati all'Ufficio elettorale della Regione, che provvederà in presenza di notaio e di un magistrato all'estrazione di un un senatore ogni 500.000 abitanti, più tre di riserva. Il Senato ha il potere di controllare le leggi approvate dalla Camera, dando un primo giudizio di costituzionalità, bocciando leggi che assegnino privilegi ai parlamentari, ed ai politici in genere, o leggi ad personam. Il Senato controllerà che le Regioni siano fatte nel rispetto della Costituzione, non debordino nei loro poteri legislativi e controllerà che gli stipendi dei consiglieri regionali siano inferiori a 4,0 volte lo stipendio di un impiegato di livello minimo, comprese eventuali indennità, mentre gli assessori avranno 4,5 volte e il Presidente di regione non più di 4,7 volte lo stipendio base di un impiegato al livello minimo.
#3 albert.z 2012-10-11 21:50
Il federalismo all’italiana sta producendo sprechi inenarrabili. Moltiplica e clona su scala locale i guasti “centrali”. Occorre modificare le regole e attuare uno snellimento dell'organizzazione dello Stato.
) Le macroregioni, non devono avere il potere di autossegnarsi del denaro per stipendi, pensioni o benefit, che saranno decisi dal Senato dei cittadini ( vedi n°7) in base al criterio di non superare le 4 volte lo stipendio di un impiegato statale al livello minimo. Le macroregioni devono amministrare alcune cose che per la maggior vicinanza alla gente ed al territorio potrebbero dare migliori risultati che una amministrazione centrale: trasporti locali, gestione sanità locale, strade, scuole. Federalismo, con regole per gli apparati decise dal Parlamento, per evitare che ogni regione decida le sue, creando troppe disparità e spese eccessive: impedire ai vari Consigli Regionali, Provinciali, Comunali, di assegnarsi denaro, sotto qualsiasi voce, di decidere il numero dei consiglieri, degli assessori, impedire di decidere l'istituzione di Enti, di commissioni, di decidere le consulenze, senza aver avuto la preventiva autorizzazione di un organo superiore, come il Senato dei cittadini, o della Corte dei Conti. Non può esserci nessuna assegnazione di denaro ai partiti e ai gruppi, tantomeno ai monogruppi. Ciò che deve essere autonomo è l'amministrazione delle materie di competenza, ma non avranno alcun potere su qualsiasi altra materia. E' tassativo il divieto alle Regioni di avere ambasciate all'estero. Per le loro necessità ci deve pensare l'ambasciata italiana, che potrà mettere a disposizione un ufficio unico per le Regioni. E' fatto divieto agli organi locali di decidere spese per servizi senza avere la copertura finanziaria. Occorre impedire le assunzioni per scopi elettorali mettendo anche dei limiti al numero dei dipendenti obbligando sindaci e dirigenti regionali a rispettare un determinato rapporto tra impiegati e dirigenti, tra dipendenti pubblici e cittadini.
#2 Dilling 2012-10-11 20:49
Anagrafe degli eletti sono da quasi 10 anni che i radicali stanno lavorando questa campagna, spero che ora vi svegliate, piuttosto abolire il finanziamento pubblico ai partiti con un referendum, tutti d'accordo fino a 1/2 anni fa meno contro i Radicali, ora arrivate con una proposta di legge iniziativa popolare per tagliare a 50% per dare ai terremoto in Emilia, ecco questa cosa cosa si e fatto?

Soprattutto serve una trasparenza nella PA con obbligo di pubblicazione in rete di tutta la documentazione in loro possesso, in particolare le procedure per appalti con pubblicazione di tutte le offerte pervenute e criteri trasparenti per le nomine ad enti pubblici e partecipate, con pubblicazione dei curriculum di tutti i candidati valutati nonché degli emolumenti percepiti e quant'altro può essere di pubblico interesse.

Questo e un caposaldo del nostro movimento http://movimentopirati.org/forum/index.php?topic=27.msg1051#new
#1 ilmontanaro 2012-10-11 20:43
La domanda è :i partiti sono vittime o corresponsanili?Perchè tutti questi scandali arrivano a ciel sereno,senza che i Capi di quei partiti non sapessero niente?Casini con Cuffaro,Rutelli con Lusi,Bossi con Belsito,Formigoni con mezza giunta,Bersani con Penati, Polverini con Abruzzese e Fiorito...Di Pietro con Maruccio....sono per me corresponsabili o per mancato controllo o per copertura.Non c'è solo la fedina penale d'inizio carriera che conta, ma quella finale,fidarsi è bene,controllare è meglio e chi non lo fa è corresponsabile.Come Sallusti.

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.