Il 2 agosto alla Camera le Commissioni Bilancio e Cultura, riunite, hanno deliberato l’elargizione di somme per circa 115.000.000 di euro a svariate scuole italiane. E’ sicuramente vero che le scuole italiane soffrono di scarsa manutenzione e spesso di insufficiente adeguamento alle norme di sicurezza ed abbisognano di interventi di carattere staordinario. Ma, in un Paese normale, l’ente preposto (il Ministero) predispone un elenco in base alle priorità e partendo da quelle più in alto nella lista destina le somme in modo da garantire un intervento completo. In una Paese poco normale, quale è purtroppo il nostro, invece si ricorre al sistema collaudato della “legge mancia”: un metodo clientelare che permette a singoli parlamentari di segnalare la scuola “amica” alla quale assegnare un po’ di risorse.
Poco importa se insufficienti rispetto alla ristrutturazione complessiva e poco importa se in questo modo non si tiene conto delle vere priorità: ciò che conta è che ci sia una sorta di “voto di scambio” da far valere alle prossime elezioni. Così si finisce anche quasi sempre per sprecare in piccoli rivoli somme ingenti, senza conseguire gli obiettivi voluti. Italia dei Valori anche questa volta non ha voluto entrare in questo gioco al massacro ed ha deciso di destinare la sua quota (2.500.000 di euro) alla riduzione del debito pubblico. Il Pd, l’Udc e Fli invece sono stati al gioco ed hanno partecipato per quote minoritarie alla spartizione della torta. Sono stati finanziati circa 900 interventi con una media per scuola di 120.000 euro: una frammentazione totale che in gran parte finirà nel nulla con grande spreco di denaro pubblico.
In aggiunta è facile dimostrare che quando il deputato ha un doppio incarico (sindaco, presidente di provincia, assessore, consigliere) aumentano le probabilità di indirizzare le risorse verso il proprio comune o la propria provincia. Lo stesso se è membro delle commissioni deliberanti. Voglio darvene di seguito qualche esempio illuminante. Le persone citate sono parlamentari, nazionali o europei, ed hanno, come detto un doppio incarico. Per non ripeterlo continuamente userò le seguenti abbreviazioni: c.c.= consigliere comunale; c.p.= consigliere provinciale; P.p.= Presidente provincia; S.= sindaco; A.c.= assessore comunale; A.p.= assessore provinciale.
COGNOME
PARTITO
INCARICO
COMUNE / PROVINCIA
IMPORTO IN EURO
Alessandri
LN-P
c.c.
Reggio Emilia
300.000
Guastalla
600.000
Antonione
PdL
c.c.
Trieste
450.000
Cutrufo
Antoniozzi
Pdl
PdL
Vice S.
A.c.
Roma
5.500.000
Armosino
PdL
P.p.
Asti
1.500.000
Biancofiore
PdL
c.c.
Bolzano
100.000
Bobba
LN-P
c.p.
Vercelli
450.000
Bitonci
LN-P
S.
Cittadella
200.000
Buonanno
LN-P
S.
Vice S
Varallo
Borgosesia
200.000
140.000
Ceroni
PdL
S.
Rapagnano
400.000
Cesaro
Di Caterina
PdL
PdL
P.p.
c.c.
Napoli
Napoli
730.000
Cirielli
PdL
P.p.
Salerno
130.000
Consiglio
LN-P
c.c.
Cazzano
30.000
D’Amico
LN-P
S.
Cassina de’ Pecchi
200.000
Dal Lago
LN-P
c.c.
Vicenza
325.000
Follegot
LN-P
c.c.
Caneva
200.000
Iannarilli
PdL
P.p.
Frosinone
630.000
Lanzarin
LN-P
S.
Rosà
100.000
Desiderati
LN-P
S.
Lesmo
40.000
Marini
PdL
S.
Viterbo
100.000
Molgora
Romele
LN-P
PdL
P.p.
Vice P.p.
Brescia
2.700.000
Montani
LN-P
c.c.
Verbania
150.000
Montagnoli
LN-P
S.
Oppeano
70.000
Munerato
LN-P
c.c.
Lendinara
200.000
Fava
LN-P
c.p.
Mantova
530.000
Negro
LN-P
S.
Arcole
100.000
Paroli
PdL
S.
Brescia
460.000
Pastore
LN-P
c.c.
Borgomanero
380.000
Pirovano
LN-P
P.p.
Bergamo
1.740.000
Polledri
LN-P
c.c.
Piacenza
860.000
Rizzi
LN-P
S.
Besozzo
150.000
Rossi
LN-P
c.p.
Alessandria
650.000
Scottà
LN-P
c.c.
Vittorio Veneto
100.000
Simonetti
LN-P
P.p.
Biella
900.000
Goisis
LN-P
c.c.
Este
400.000
Mariniello
PdL
Agrigento/
Sciacca
380.000
Alcuni di essi hanno anche deliberato in pieno conflitto d’interessi, rivestendo il duplice ruolo di assegnante e assegnatario dei fondi (Armosino, Bitonci, Ceroni, D’Amico, Simonetti).
Chissà se 300.000 euro a Ravenna sono arrivati grazie al deputato Albonetti del Pd, Questore della Camera? E chissà se per i 275.000 euro finiti ad Arcore ed i 100.000 andati a Macherio c’è stata una telefonatina direttamente da Berlusconi? E chissà quanti altri casi si potrebbero evidenziare con una più attenta analisi, slegata da qualunque riferimento ad elementi di priorità reale?

Commenti   

#2 angelo bonaldi 2011-08-08 18:13
Egr.on. forse anche il contributo alla scuola di Oppeano (VR) avrà uno sponsor nel sindaco del paese on. della lega Montagnoli? mi associo a santi.fichera
#1 santi.fichera 2011-08-08 10:04
Egr.On.a queste sue comunicazioni,peraltro risapute anche se non in dettaglio,fa seguito un sentimento di rabbia e sconforto. Verrà il giorno della disobbedienza civile o continueremo sempre a lamentarci tra noi?

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.