Il sito "Repubblica.it" ha recentemente postato un video di un cittadino che ha ripreso un'auto blu utilizzata per scopi che nulla avevavo a che vedere con quelli istituzionali. Penso che sia ora di dire basta a questo scempio ed al conseguente spreco di denaro pubblico.

Da tempo mi sono dedicato allo studio del problema. La ricerca ha prodotto risultati che io ho considerato con molta prudenza. In questa materia esistono infatti studi che portano a valori molto di versi sia per quanto riguarda il numero di automobili di servizio sia per quanto riguarda i reltivi costi.

Secondo le rilevazioni del sito www.contribuenti.it si apprende che nel 2009 il parco delle «auto blu» sarebbe cresciuto del 3,1 per cento, passando da 607.918 a 626.760 unità. E nel primo trimestre del 2010 il trend positivo non si sarebbe fermato: +0,6 punti percentuali, 629.120 «auto blu». In contrasto alla legge che fin dal 1991 limita l'uso esclusivo delle auto blu ai soli Ministri, Sottosegretari di Stato e ad alcuni direttori generali. Non sappiamo attraverso quali fonti il sito individui quei numeri ed è difficile giudicare se sia realistico il calcolo che qualcuno ha fatto del costo di un tale apparato: 18,93 miliardi di euro l'anno. La cifra è talmente elevata che il dubbio è lecito. Anche solo ipotizzando che siano un quarto del numero citato ed il loro costo unitario sia correttamente calcolato (cioè 30.000), ne risulterebbe comunque un costo complessivo di circa 5 miliardi di euro. La cifra non è dissimile da quella indicata dal Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione Renato Brunetta, il quale ha avviato uno specifico monitoraggio sulle autovetture di servizio i cui risultati sono stati dettagliatamente illustrati nell'ambito della relazione al Parlamento sullo stato della pubblica amministrazione, il 20 ottobre ai Presidenti della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Secondo i dati raccolti ed elaborati dal Centro servizi, assistenza, studi e formazione per l'ammodernamento delle pubbliche amministrazioni (FormezPA), il parco auto delle pubbliche amministrazioni risulta composto da circa 86.000 autovetture (escluse quelle con targhe speciali dedicate a finalità di sicurezza e di vigilanza). Di queste, 5.000 sono «blu blu» (di rappresentanza politico-istituzionale a disposizione di autorità e di alte cariche dello Stato e delle amministrazioni locali); 10.000 «blu» (di servizio con autista a disposizione di dirigenti apicali) e circa 71.000 «grigie» (senza autista, a disposizione degli uffici per attività strettamente operative).
Nella pubblica amministrazione centrale (Ministeri, agenzie, università, enti pubblici) sono presenti circa 3.000 auto «blu blu», 5.500 auto «blu» e un numero molto limitato di auto «grigie» (1.500). Nelle amministrazioni regionali e locali si concentra, al contrario, la quasi totalità delle auto «grigie» (oltre 70.000), circa 2.000 auto «blu blu» e 4.000 auto «blu». Le autovetture risultano in larga misura di proprietà: 81 per cento delle amministrazioni locali e 57 per cento delle amministrazioni centrali. Da questi dati si evince che il costo totale stimato per il parco auto della pubblica amministrazione è di circa 4 miliardi di euro per consumi, assicurazione e noleggio; di cui 2 miliardi di euro per il personale addetto al parco auto (di cui 1 miliardo di euro per gli autisti e 1 miliardo di euro per gli altri addetti) e di 1 miliardo di euro per le vetture dedicate ai servizi-targhe speciali e alla vigilanza urbana. Se a tale dato si aggiunge il costo di sostituzione delle autovetture (ogni 5 anni) si arriva nuovamente ad un costo complessivo di circa 5 miliardi.
Nella classifica generale dei Paesi che utilizzano le «auto blu» l'Italia primeggia
con circa 90.000 autovetture, seguita dagli Stati Uniti d'America con 72.000, dalla Francia con 63.000, dal Regno Unito con 56.000, dalla Germania con 55.000, dalla Turchia con 51.000, dalla Spagna con 42.000, dal Giappone con 30.000, dalla Grecia con 29.000 e dal Portogallo con 22.000. Alcuni di questi Paesi hanno, peraltro, una popolazione di molto superiore alla nostra.
Vi è un ulteriore studio fatto dal professor Andrea Giuricin dell'Università Bicocca di Milano - Istituto Bruno Leoni, il quale propone di effettuare una stima delle «auto blu» in servizio nel nostro Paese con un'analisi di benchmarking, partendo dai casi di altri Paesi sviluppati quali Spagna e Stati Uniti d'America, che mettono a disposizione dati aggiornati e più trasparenti dell'Italia.
In Italia, come già detto, non vi sono stime aggiornate sul numero di «auto blu»; tuttavia un'analisi del quotidiano economico spagnolo El Economista mette l'Italia in seconda posizione, dietro gli Stati Uniti per numerosità di «auto blu». Se il numero delle «auto blu» è difficile da stimare, la stima è ancora più complicata per i costi. Anche in questo caso, i dati italiani non sono ufficiali, ma si possono fare stime partendo da casi stranieri di Paesi sviluppati. In questo studio il professor Giuricin ha evidenziato tre tipi di costi:
- i costi di manutenzione aumentano all'aumentare della numerosità del parco macchine. Nel caso spagnolo, ogni auto costa poco meno di 2.000 euro annuali. Nel caso degli Stati Uniti, il costo supera i 4.000 euro. Il dato molto elevato dipende sicuramente dalle tipologie di automobile. In Italia, il costo di manutenzione del parco macchine potrebbe superare il miliardo di euro nel caso di costo minimo, mentre supererebbe i 2,7 miliardi di euro, nel caso in cui i costi per auto superassero i 4.000 euro;
- il costo di acquisto annuale dovrebbe essere compreso tra 1 e 1,8 miliardi di euro annuali;
- il costo del personale, considerando il numero di «auto blu» presenti in Italia, potrebbe variare tra 3.145 e 5.503 milioni di euro annuali.
Prendendo in esame queste tre voci è possibile stimare un costo annuale per lo Stato in riferimento alle «auto blu» compreso tra 5,2 e 10 miliardi di euro.
Come si vede dunque considerare in 5 miliardi di euro il possibile risparmio per le casse dello Stato non appare fuori luogo. Certo lo si deve fare con interventi draconiani poiché i vari tentativi di ridurne l’uso con forme di auto disciplina non hanno dato alcun esito.
Per questi motivi ho presentato nello scorso mese di dicembre la proposta di legge n. 3946 (Disposizioni concernenti la limitazione della dotazione e l'uso di autovetture di servizio delle pubbliche amministrazioni) per il cui testo rimando a http://www.camera.it/126?PDL=3946&leg=16&tab=2 che interviene con la previsione di un blocco totale, salvo alcuni casi limitati, prevedendo l’applicazione del principio del “danno erariale” a chi ne facesse uso al di fuori dei casi previsti dalla legge.

Commenti   

#6 adriana zanese 2011-06-25 13:08
Se le auto blu ci costano 5.000.000.000., quanto ci costano le doppie e triple pensioni d'oro degli uomini pubblici? e gli stipendi superlativi dei dipendenti degli organi costituzionali ?
E i rimborsi elettorali ? Dimezziamo tutto !
Adriana Zanese
#5 idrone 2011-06-21 23:28
Egr.Onorevole,
ho letto la proposta di legge che ritengo molto interessante ma dal mio punto di vista (sarà che sono un giovane che crede ancora in un futuro) è ancora troppo poco...l'auto blu dovrebbe avere solo la funzione di garantire la pubblica sicurezza di un personalità eminente qualora minacciata da ritorsioni esterne...quindi 5 auto blu per ogni ministero senza portafoglio mi sembrano eccessive...non si potrebbe invece rimborsare l'abbonamento al bus o al treno che ogni mattina milioni e milioni di italiani prendono per andare a lavorare??
#4 Marrè Brunenghi 2011-06-20 18:23
È l'ennesimo argomento su cui la distanza tra politica e paese reale raggiunge vette preoccupanti.
È ora di sovvertire questo ordine di cose.
#3 Collica 2011-06-20 03:18
G.mo On. Borghesi
la stimo molto dopo aver sentito le sue parole in merito alle pensioni dei parlamentari, le province . le auto blu. Pare che ai colleghi ns. rappresentanti non gli importi un fischio. Sembra che non abbiamo figli e nipoti a cui consegnare l'Italia dopo il loro avvento. Ha ragione chi dice che in Italia esiste solo la politica geriatrica.
Continui Cosi .... faccia sapere come potrebbe essere aiutato .... qualcuno con un po di testa in italia forse esiste ancora.
Con rispetto
Salvo Collica
#2 Fagone 2011-06-19 19:42
Egr. Onorevole,
da cittadino italiano che ha sempre pagato le tasse, non Le nego che mi sento molto imbarazzato a leggere quanto nell'articolo. Mi chiedo se sia possibile che la politica abbia costi così esorbitanti; se i vari governi avessero gestito il Paese come si gestisce una famiglia o un'azienda o attività, adesso ci sarebbero i soldi per tutto. Invece ci ritroviamo un Paese di serie C (e non B). Un Paese che elargisce pensioni da fame e pensioni d'oro ed in qualche caso di platino. Ad esempio, il cosiddetto dotto sottile, quello che ci ha tolto il 5permille dei depositi bancari a suo tempo, percepisce una pensione(?) di 32milaeuro al mese; e pensare che ci ha tolto i soldi a noi cittadini!!!! E' possibile tutto ciò? In un Paese civile credo di no! E pensiamo che una volta all'anno, a dicembre, gli viene elargita anche la tredicesima, per i regali. Assolutamente ignominioso! La invito a voler presentare un disegno di legge per condurre almeno la tredicesima mensilità di questi "unti dal Signore" in canoni più popolari(se così possiamo dire. Inoltre sarebbe utile al Paese, e non solo sul lato economico, prevedere una patrimoniale a carico soltanto dei politici. Ho ideato un sistema a scaglioni, molto interessante, che porterebbe soldi in cassa. Per tornare all'argomento, auto blu che vengono usate per scopi personali se ne vedono tutti i giorni ed a ogni ora, con la collaborazione di chi le gestisce. Ad majora !!!
#1 santi.fichera 2011-06-19 19:31
il ritornello "non ci sono risorse" andrebbe completato con : per il popolo. a cui sta bene questo sistema. che si precipita ai seggi per farsi prendere ulteriormente per i fondelli,si tratti di elezioni o referendum. Disobbedienza civile...per provare a mandare a casa tutti quanti.

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.