Oggi nel corso del Consiglio dei Ministri, Berlusconi ha pagato, ovviamente a carico dei cittadini, il prezzo del tradimento, dopo la sua campagna acquisti di dicembre-gennaio. Il prezzo aveva iniziato a pagarlo alcune settimane fa con la nomina di Saverio Romano a Ministro delle Politiche Agricole e con l’elezione di Michele Pisacane a Segretario d’aula. Oggi i “premiati”sono Roberto Rosso, Luca Bellotti, Daniela Melchiorre, Catia Polidori, Bruno Cesario, Aurelio Misiti, Riccardo Villari, Antonio Gentile, Antonio Catone. Anche Massimo Calearo ha avuto oggi il suo indennizzo. E perfino Antonio Razzi aveva avuto ieri la sua mancetta.
Ecco chi sono.
Romano Saverio. Ministro per le politiche agricole. Eletto nell’Udc passa al Gruppo Misto fondando il PID (Popolari per l’Italia di Domani). Ha in corso una indagine per concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione ed una per concorso in corruzione, aggravata dal favoreggiamento per Cosa Nostra. Il suo nome ricorre più volte nella sentenza di condanna di Totò Cuffaro.
Pisacane Michele. Eletto nell’Udc passa al Gruppo Misto fondando insieme a Saverio Romano il PID (Popolari per l’Italia di Domani). Dopo il 14 dicembre soffia il posto di Segretario d’aula ad Antonio Razzi.
Rosso Roberto. Nominato Sottosegretario all’Agricoltura. Aderisce a Forza Italia nel 1994. Eletto nel Pdl segue Fini in Futuro e Libertà e vota contro il governo il 14 dicembre. Il 17 febbraio torna nel Pdl.
Bellotti Luca. Nominato Sottosegretario alle Politiche Sociali. Eletto nel Pdl segue Fini in Futuro e Libertà. Il suo caso è davvero umoristico. Una settimana prima di annunciare il suo ritorno alla corte di Berlusconi intervenne al Congresso fondativo del Fli attaccando la Santanché e Storace (“In quel tempo Erode e Pilato divennero amici, e subito penso alla Santanché e Storace: provo tristezza perché sono uniti nella cattiveria” (applausi dalla sala, Fini annuisce)). Poi bastona La Russa e Gasparri (“i primi a venerare il vitello d’oro…eroi della destra di carta…supini a qualsiasi ragionamento…”.). E poi ancora : “Noi non prendiamo ordini da Capezzone! E fortunatamente nemmeno da Cicchitto! E nemmeno da Bondi, un ex Pci!” Sul loro Capo non dico nemmeno una parola”. “E’ la dimostrazione che non tutti gli italiani sono comprabili. Chi si fa comprare è una merce. Io mi sento libero. Gianfranco [Fini], fai come Mosé, portaci fuori dalle acque, verso il futuro ”. (Boato in sala).). Intervistato dopo il suo ritorno al Pdl ha detto: «Si fanno cazzate, si dicono cazzate. Vai sul palco, ti lasci prendere dall'emozione»."Ci sta tutto che ora mi si dica che il mio appare un intervento da cabaret''. ''Solo chi non conosce la politica non sa a quali prove va incontro.La politica esalta i peggiori sentimenti e le umane debolezze.”
Melchiorre Daniela. Nominata Sottosegretario allo Sviluppo Economico. In precedenti legislature eletta nella Margherita, passa nei Liberal Democratici con Lamberto Dini. Si allea con il Pdl, poi passa al Gruppo misto, aderisce al Terzo Polo e, infine, ritorna nel Pdl. Nel 2006 era stata Sottosegretario alla Giustizia nel governo Prodi.
Polidori Catia. Nominata Sottosegretario all’Economia. Eletta nel Pdl segue Fini in Futuro e Libertà, ma il 14 dicembre, con grande sorpresa, al momento di dichiarare il suo voto si esprime a favore di Berlusconi. Non si è ancora capito se vi sia o meno un suo rapporto di parentela con il padrone di CEPU, grande amico e beneficiato dal premier, che gli farà avere anche i fondi destinati alle università private.
Cesario Bruno. Nominato Sottosegretario all’Economia. E’ stato fondatore del Pd ( nelle cui file viene eletto), del Api (con Rutelli) e dei Responsabili (con Scilipoti e Calearo).
Misiti Aurelio. Nominato Sottosegretario alle Infrastrutture. Eletto in Idv è passato all’MpA (Movimento per le Autonomie di Lombardo) e poi al Gruppo Misto. Aveva votato contro Berlusconi il 14 dicembre.
Villari Riccardo. Nominato Sottosegretario ai Beni Culturali . Eletto nel Pd si ritrovò, grazie ai voti del centro destra, Presidente della Commissione di Vigilanza Rai (alla quale secondo gli accordi doveva essere eletto Leoluca Orlando) rifiutando poi a lungo di dimettersi, nonostante l’espulsione dal Pd. Poi è passato prima al Gruppo Misto, poi al Movimento per le Autonomie e infine è diventato Capogruppo al Senato dei Responsabili.
Gentile Achille. Nominato Sottosegretario all’Ambiente. Eletto nel Pdl.
Catone Giampiero. Sottosegretario allo Sviluppo Economico. Eletto nel Pdl segue Fini in Futuro e Libertà, ma il 14 dicembre vota a favore di Berlusconi. Arrestato nel 2001 per associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata, falso, false comunicazioni sociali e bancarotta fraudolenta pluriaggravata, reati per i quali è stato poi rinviato a giudizio. Ha un altro rinvio a giudizio per bancarotta. E’ infine indagato per estorsione nei confronti dei titolari di un’azienda, millantando interventi politici per risolvere i loro guai finanziari.
Calearo Massimo. Eletto nel Pd come capolista in Veneto, passa all’Api (con Rutelli), al Gruppo Misto ed infine ai Responsabili (con Scilipoti e Cesario). Pretendeva per se il Ministero dello Sviluppo Economico (lasciato libero da Scaiola), poi la carica di Vice Ministro dello stesso, ora si è accontentato della nomina a Consigliere del Presidente del Consiglio(?) per il Commercio con l’Estero.
Razzi Antonio. Eletto per l’Idv nella circoscrizione Estero, passa a Noi Sud nel Gruppo Misto e poi ai Responsabili. Gli avevano offerto un posto da Sottosegretario, poi quello di Segretario d’Aula (soffiatogli dal suo “collega” Pisacane) ora si è accontentato della nomina a Consigliere (?) del Ministro per le Politiche Agricole.
Congratulazione a tutti!!!!!

Commenti   

#1 Agostino 2011-05-05 21:18
Grazie delle informazioni che lei Sig. Onorevole comunica. Ritenevo che la confusione tirata in piedi dalla Lega in uesti giorni sulla Libia avesse come fine il rinvio delle nomine sopra riportate. Il NULLA che ha ottenuto sulla Libia e le nomine di oggi, ripensando all'ultima legge sul Federalismo svuotato di ogni contenuto a favore del Nord dimostrano ancora come la Lega sia sempre e solo un fedele "Servo".

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.