Sabato 16 aprile, nell’arco della giornata, il Presidente del Consiglio Berlusconi ha fatto sfoggio della sua natura di saltimbanco e dittatore da parodia con una nutrita serie di dichiarazioni, spesso false, che dovrebbero sollevare l’opinione pubblica per la loro gravità. E invece nulla! Lasciamo stare i suoi adepti che, come nelle sette a più alto tasso di plagio, vanno considerati alla stessa stregua di persone minorate, ma gli altri? Possiamo limitarci a considerarle espressioni di un “dittatore da parodia o da operetta”, per intenderci di quelli descritti da Charlie Chaplin (“Il grande dittatore”) , o da Woody Allen (“Il dittatore dello stato libero di Banans) al cinema o da Bertold Brecht (“La resistibile ascesa di Arturo Ui”) in letteratura? Temo di no. Ci fa comodo liquidare tutto con una risata e far finta di niente. Ma attenzione perché anche Mussolini è nato come “dittatore da parodia”, ma ben presto il palcoscenico del “cabaret” si è trasformato in tragedia degli italiani e dell’umanità. Voglio qui ripercorrere alcune delle sue dichiarazioni, così come sono state riportate dalle agenzie di stampa, e commentarle.
1 FAMIGLIA: 'Poiché vantiamo una cultura che predilige l'amore e rifiuta l'invidia e l'odio cerchiamo di essere un governo amico delle donne e soprattutto delle mamme'. 'L'abbiamo tutelata [la famiglia] con il bonus bebé, il piano casa, gli affitti agevolati per le giovani coppie, la riduzione dei costi scolastici e il bonus per la scuola privata'. '"Abbiamo fatto leggi che puniscono severamente la violenza sessuale, abbiamo introdotto il reato di stalking contro gli 'atti persecutori' contro le donne"Care mamme vi garantisco che il governo continuerà a lavorare con lo stesso entusiasmo e con lo stesso impegno per valorizzare il vostro ruolo nella famiglia nel mondo del lavoro e nella società''
A parte che il piano casa, gli affitti agevolati, la riduzione dei costi scolastici sono fatti che non ha visto nessuno, di quale famiglia parla? Della sua, dove la donna viene umiliata da un marito dedito alle minorenni ed al “bunga bunga”? Che faccia tosta!
2. SCUOLA: "I genitori possono scegliere liberamente quale educazione dare ai loro figli e sottrarli a quegli insegnamenti di sinistra che nella scuola pubblica inculcano ideologie e valori diversi dal quelli della famiglia". "Libertà vuol dire avere la possibilità di educare i propri figli liberamente, e liberamente vuol dire non essere costretti a mandarli in una scuola di Stato, dove ci sono degli insegnanti che vogliono inculcare principi che sono il contrario di quelli dei genitori". "Stamattina sono stato aspramente criticato per le mie parole sulla scuola pubblica: ma se una famiglia poco abbiente ha la sfortuna di incontrare insegnanti di sinistra che vogliono inculcare valori diversi dai loro, lo Stato deve dare la possibilità di mandare quel figlio in una scuola privata, cattolica. Non vuol dire attaccare tutta la scuola pubblica: ho parlato di eccezione non di regola. Ci sono insegnanti che attraverso i libri di testo, che sono tutti di sinistra, vogliono inculcare determinati valori"
Per Berlusconi “tutti gli insegnanti” sono comunisti ed inculcano ideologie e valori diversi da quelli della famiglia. Qualunque insegnante, anche quello che ha votato per lui, dovrebbe sentirsi e offeso e protestare di fronte ad una affermazione come questa! Al pomeriggio poi la solita retromarcia rispetto al mattino. Ma voi conoscete “famiglie poco abbienti” che mandano i figli alla scuola privata?
3 ELEZIONI: "Abbiamo sempre vinto le elezioni. Ci hanno messo sotto nel 2006 con interventi sulle schede elettorali che non stiamo a ricordare...". "Il nostro partito fin dal '94 e' stato vincente. Ci hanno messo sotto prima perché si e' rotta la coalizione, poi con interventi sulle schede elettorali che non stiamo a ricordare. E dal 2008 abbiamo vinto in tutte le elezioni successive e vinceremo le prossime elezioni amministrative".
Dunque ammette che non ha sempre vinto, anzi Prodi lo ha sempre sconfitto. Ma anche qui grida "al complotto". Va ricordato che gli unici casi accertati di brogli elettorali sono stati commessi a suo favore, come nelle elezioni per il sindaco di Palermo
4 MAGISTRATURA: "Abbiamo a che fare con una magistratura che e' permeata dalle idee della sinistra e che si e' messa in campo per cambiare ciò che gli italiano hanno deciso di fare con il loro voto. In termini crudi si chiama eversione. Lo hanno fatto nel '93, facendo fuori i 5 partiti che pur con qualche errore avevano reso l'Italia una democrazia. Hanno fatto fuori un leader che si chiamava Bettino Craxi, accusato "di tutto e di piu', di aver ammassato ricchezze". E nel '94 hanno fatto fuori il nostro primo governo". "Da 17 anni tentano di far fuori un certo Silvio Berlusconi che considerano un ostacolo da eliminare a tutti i costi". 'La magistratura e' permeata di idee di una certa sinistra che vuole cambiare ciò che gli italiani hanno scelto con il voto, in altri termini questo si chiama eversione'. "Sono il mortale che ha avuto più processi nella storia dell'uomo e in quella degli extraterrestri se anche loro hanno i processi". "103 indagini, più di mille magistrati si sono occupati di me con 2565 udienze e non sono riusciti ad arrivare a nessuna condanna. Adesso ci sono ancora 6 processi e hanno avuto il coraggio di riempire l'Italia di cartelli che dicono 'Silvio fatti processare'". "Vogliono arrivare a una condanna? Neanche per sogno, il loro e' fango mediatico che vogliono buttare su Silvio Berlusconi, sul Popolo della Liberta', sulla maggioranza di Governo". "E' giustificata la nostra richiesta di una commissione parlamentare per asseverare l'esistenza di un'associazione a delinquere per fini eversivi dentro la magistratura". 'I giudici ci considerano tutti delinquenti che l'hanno fatta franca e cio' e' dettato dall'invidia da cui sono posseduti. Siamo di fronte ad una magistratura che e' uscita dal proprio alveo e che tenta di imporre ai cittadini un altro governo rispetto a quello che loro hanno scelto'.
Tutto colpa della Magistratura! Oggi dice che hanno fatto fuori i partiti. Nel 94, alla sua discesa in campo, disse che erano stati schiacciati dal finanziamento illecito. Quanto a Craxi è bene ricordare che fu condannato, con sentenze passate in giudicato, a
  • 5 anni e 6 mesi per corruzione nel processo Eni-Sai;
  • 4 anni e 6 mesi per finanziamento illecito per le mazzette della metropolitana milanese.
Per tutti gli altri processi in cui era imputato (alcuni dei quali in secondo o in terzo grado di giudizio), è stata pronunciata sentenza di estinzione del reato a causa del decesso dell'imputato. Fino a quel momento Craxi era stato condannato a:
  • 4 anni e una multa di 20 miliardi di lire in primo grado per il caso All Iberian il, pena poi prescritta in appello.
  • 5 anni e 5 mesi in primo grado per tangenti Enel;
  • 5 anni e 9 mesi in appello per il conto “protezione”, sentenza poi annullata dalla Cassazione con rinvio;
  • 3 anni in appello bis per il caso Enimont;
Craxi fu anche rinviato a giudizio per i fondi neri Montedison e per i fondi neri Eni.
Quanto a Berlusconi, dicendo che da 17 anni la Magistratura si occupa di lui, ammette che i reati sono stati compiuti prima e cioè quando era imprenditore. D’altronde già nel 1990 era stato condannato dal Tribunale di Venezia per aver dichiarato il falso ai giudici (qui è stato poi salvato dall’amnistia). Non è vero che non è mai stato condannato e non è vero che è sempre stato assolto. L’amnistia l’ha salvato anche dalla condanna per falso in bilancio nell’acquisto dei terreni di Macherio. Da tre processi si è salvato grazie alla prescrizione, tra l’altro accorciata con una delle sue leggi ad personam. Da altri quattro “perché il fatto non è più reato” (grazie ad altra legge ad personam che ha cancellato il falso in bilancio). Solo da due“per insussistenza del fatto”. Ne ha ancora in piedi cinque e solo da due settimane ha deciso di andare alle udienze (quando vuole lui, però). I giudici stanno facendo il loro dovere, ma per lui sono una associazione a delinquere a fini eversivi.
5 PROCESSO BREVE: "legge imposta dall' Europa che ci ha imposto multe per milioni". 'Un presidente del Consiglio deve difendere il suo Paese in politica estera e deve essere per questo tutelato e non può essere distratto per delle bazzecole magari accadute 15 anni prima'. "Questa legge può caso mai facilitare e far prescrivere lo 0,2% processi". 'Il governo ha fatto tre leggi: il lodo Schifani, il lodo Alfano e il legittimo impedimento. Tutte approvate con tempi lunghissimi dal Parlamento ma che la Corte costituzionale ha abrogato e non sto a dare giudizi su quei giudici'. - La Corte Costituzionale da organo di garanzia e' diventato un organo politico, sottoposto al volere dei pm di sinistra". In questo provvedimento ci potrebbe essere una norma che 'forse, forse' accorcerebbe un mio processo...
L’Europa non ha imposto nulla e l’Italia non ha pagato un centesimo. Abbiamo pagato una montagna di soldi invece perché Rete 4 non è stata mandata sul satellite (ma di ciò non parla). Quanto alle “bazzecole” vedi il punto precedente.. E’ evidente che se continua a fare leggi incostituzionali (anche il “processo breve” lo è), la Corte Costituzionale non è lì proprio per questo? Finalmente ammette: il “processo breve” serve a lui.
6 CASO MILLS: 'Il processo Mills? E' eversione!' “L’avvocato inglese non e' mai stato corrotto, ma ha semplicemente tentato di evadere il fisco inglese. Siccome però é uno sfigato è stato coinvolto in una storia giudiziaria che lo ha portato alla condanna”. La Corte costituzionale "ha abrogato" lo scudo per le alte cariche e "io mi sono ritrovato lunedì scorso e molti altri lunedì che verranno dentro una infinita macchina processuale, dentro un processo risibile. Sono venuto via in un'atmosfera surreale, per un processo che in nessun altro paese sarebbe possibile".
E’ la negazione dell’evidenza, così come è emersa dalla verità processuale! La sentenza contro Mills ha dimostrato che lui è stato corrotto e che il corruttore si chiama Silvio Berlusconi.
7 NUOVA MAGGIORANZA: "Dopo la diaspora di Fini siamo riusciti a mettere in piedi un'altra maggioranza con delle persone coraggiose che venivano dall'Italia dei Valori e dal Partito Democratico" e che avendo conosciuto "Di Pietro e un certo centralismo democratico ne hanno orrore. "Il Consiglio dei ministri non ha potere alcuno. I nostri padri costituenti divisero il potere tra Capo dello Stato, Assemblee parlamentari e Corte Costituzionale".
Così Scilipoti, Cesario, Calearo, Siliquini e tutti gli altri di cui alla campagna acquisti di Berlusconi sono “persone coraggiose”. In Parlamento il Gruppo dei “Responsabili” è soprannominato Gruppo dei “Disponibili” e Scilipoti viene appellato come “munnezza”. I nostri "Padri costituenti" erano stati davvero preveggenti!
8 IL SESSO: "Tutti noi abbiamo una componente omosessuale, del 25 per cento... Solo che io, dopo un approfondito esame, mi sono accorto che la mia e' un'omosessualita'... lesbica".
             E’ la sua ossessione, quella per la quale sarà processato per “prostituzione minorile” e “concussione”, quella della barzelletta per cui ha pagato centinaia di migliaia di euro a Ruby per non farla prostituire. Quella della barzelletta per cui voleva salvare l’Italia da incidenti diplomatici a causa del fatto che era “nipote di Mubarak”.
9 IL FISCO: 'Noi non vogliamo uno Stato di polizia tributaria e giudiziaria dove ci sia l'oppressione burocratica e fiscale e giudiziaria. Vogliamo uno Stato libero e al servizio dei cittadini'.
            Chissà perché la tracciatura dei movimenti di denaro è considerata in tutto il mondo civile lo strumento d’elezione per combattere l’evasione fiscale e le attività mafiose. Certo lui vuole favorire entrambe, come ha fatto con l’indegno “scudo fiscale”.
10 LE INTERCETTAZIONI: 'In uno Stato che si definisce democratico i cittadini non possono sentirsi spiati quando alzano il telefono e vedere poi le loro conversazioni sui giornali in modo distorto. E' una cosa inaccettabile perché la privacy va sempre tutelata'.
            Provate solo a pensare, senza intercettazioni, quanti reati sarebbero rimasti impuniti. Chi non ha nulla da nascondere non ha paura di essere intercettato! Anche qui vuole solo difendere se stesso.
ARRESTATELO PER ATTI OSCENI IN LUOGO PUBBLICO!!!

Commenti   

#3 Fagone 2011-04-19 13:06
Caro Onorevole, siamo alle solite, direi. Il cav non perde occasione per "dire la sua" sulle molte questioni che lo stanno interessando giudiziariamente. Lui dice la sua, da palchi e con microfoni e Tv, e la gente non dice nulla: apparentemente, secondo me. La gente non è stupida; capisce, sente, valuta. Solo che non può esprimersi liberamente con microfoni e Tv. Vede, io avrei la determinazione e la preparazione di mettermi in una piazza a parlare con microfoni e Tv delle cose che non vanno, nel nostro Paese, in maniera obiettiva e chiara. Sà cosa direbbe la gente? Chi è quel matto? Senza contare poi che, se malauguratamente mi scappasse di proferire qualche battuta offensiva per qualcuno, dovrei sostenere cause ed indennizzi. Aspettiamo invece le elezioni e democraticamente la gente darà il proprio giudizio su tutti, cavaliere compreso. Aspettiamo fiduciosi chè il popolo non è bue!
#2 alvaro 2011-04-18 19:32
Il cavaliere ha dimenticato il suo amico craxi quando governava per il partito socialista,grazie a lui, passo\' al governo la legge che permise alle tv private di far diventare miliardario il ns presidente del consiglio.Il meccanismo della pubblicita\' porto\' tanta ricchezza al cavaliere,usando l\'interruzione del programma con la pubblicita\' con una media 3minuti ogni mezzora di programma trasmesso,questo significava guadagni milirdari per le tv private di mediaset,in cambio di un vero lavaggio di cervello per coloro che seguivano i programmi televisivi.Fu propio lui ad usarla come mezzo eslusivo a scopo di lucro,ricordo il cavaliere in quel periodo era impegnato con le varie lotte esercitate contro le tv di stato, poi con l\'intervento di craxi riusci\' all\'intento usando il potere politico,che gli permise ad un mostro di fare bello e cattivo tempo, con risultati a dir poco sconvolgenti mettendo a rischio la cultura e l\'economia del nostro paese. Bene io mi domando che questa maggioranza pdl con natura privatistica non puo\'stravolgere il lavoro centenario di uomini valorosi che e\' frutto della nostra costituzione stessa.. questa e\' una evidenza che non si puo\' notare..grazie
#1 moscogiuri 2011-04-18 18:54
Inoltre, nelle sue elucubrazioni demenziali, accusa ingenuamente i professori di "inculcare" valori per lui errati, mentre questi li devono "inculcare" i genitori. Ecco, solo un demente bugiardo che considera i ragazzi (meglio le ragazze) solo come suo oggetto di desiderio sessuale può fare una gaffe del genere. Il bambino-ragazzo è una persona e come tale nessuno, nemmeno i genitori devono "inculcare" idee.

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.