Nelle ultime settimane Gianfranco Fini ha fatto una serie di dichiarazioni che trovo interessanti. Il 1° luglio scorso, alla presentazione della nuova “Rivista di politica” diretta da Alessandro Campi, tutt’ora direttore della Fondazione finiana “FareFuturo”, nel corso di un dibattito con Sandro Bondi, ha detto, tra l’altro:
«Dimmi il no­me di una democrazia del mon­d­o in cui rimane segretario regio­nale di partito e sottosegretario un signore nei confronti del qua­le la magistratura ha emesso un mandato di cattura», con chiaro riferimen­to a Nicola Cosentino. E sulle intercettazioni: «Sono contrari i sindacati di polizia e il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso ha detto che il ddl archivia il concetto di criminalità organizzata». Sul fede­ralismo: «Sono tre mesi che chiedo una commissio­ne per discutere dei costi nel mio partito, ma ancora non ricevo nessuna risposta. Non ne può di­­scutere il Consiglio dei ministri. E dire questo non è fare solo il con­trocanto ». Sulla mancanza di moralità in politica: «Prima si ruba­va per il partito, oggi si ruba per sé»; «di malfattori in politica ce ne sono tantissimi»;«un partito li­berale non può prescindere dal congresso come momento di ve­­rifica delle classi dirigenti»; «re­sta il diritto al dissenso che non si può sanare»; «la democrazia è ta­le perché non c’è pensiero uni­co »; «non ho nostalgia per i parti­ti della Prima Repubblica ma ho nostalgia per la capacità che ave­v­ano i partiti di selezionare la clas­se dirigente». Ieri dopo che uno degli uomini a lui più vicini, Italo Bocchino, ha attaccato Verdini, per le vicende che lo vedono indagato per associazione segreta e Cosentino, di cui ha chiesto le dimissioni, Filippo Rossi, direttore di Ffwebmagazine, il periodico online della Fondazione Farefuturo, voluta da Gianfranco Fini, ha scritto: "Il giustizialismo non c’entra nulla. E nemmeno lo strapotere dei magistrati. È solo voglia di normalità. È solo voglia di giustizia. Voglia di cambiare, finalmente". “Lo chiamano giustizialismo, con fare spregiativo. E hanno gioco facile, perché è cosa buona e giusta limitare lo strapotere inquisitorio dei magistrati, il vizio della condanna preventiva prima di qualsiasi giudizio e la caccia alle streghe senza prove, senza indizi, senza nulla. Lo chiamano giustizialismo, con fare spregiativo". Ma, scrive Rossi, "troppe volte chiamano così anche tutt’altro, anche la sana, genuina, schietta voglia di giustizia del popolo italiano. Chiamano così anche il sano, genuino schietto desiderio di essere governati da persone al di sopra di ogni sospetto, da persone che possano camminare a testa alta. Da persone, insomma, che si possano definire in tutto e per tutto oneste e perbene. Che non hanno nulla da nascondere: interessi altri, frequentazioni altre, obiettivi altri".
Sottoscrivo per intero ciò che scrive Filippo Rossi e quasi quasi mi verrebbe voglia di chiedere a Gianfranco Fini di iscriversi ad Italia dei Valori!

Commenti   

#3 Agostino 2010-07-15 00:02
L'Italia sta constatando che un partito e una direzione politica non nasce gridando uno show su una piazza. Adesso poi pare che veramente ci sia una parte della politica che non vede i problemi da affrontare degli italiani e un'altra parte della politica che si sia accorta di questo.
#2 gioidv 2010-07-14 21:20
:roll: ammetto d essere d accordo con fini su diversi punti.. ultimamente. ma non mi fido di un uomo, che ha gioito con berlusconi per anni, fondando il pdl.
#1 venturi 2010-07-14 02:41
Gianfranco Fini è un grande !
da mesi mi domando perchè tutti i partiti dell'opposizione non lo sostengano e non diano risalto al suo coraggio ed alla sua onestà. Magari facesse il PD il 50% di quello che fa Fini!
Oriana

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.