E’ noto come una delle cose che più fa andare in bestia il cittadino è la vista di automobili civili con il lampeggiante acceso e spesso una sirena che suona che, incuranti del codice della strada, sfrecciano per i centri cittadini.
L’”auto blu” è da sempre vista come un simbolo della casta e se in qualche caso il suo uso potrebbe anche essere giustificato da ragioni oggettive (ma chi la utilizza dovrebbe almeno avere il pudore di farlo nel modo più normale possibile) spesso si risolve in una vero e proprio spreco di denaro pubblico. Nel 1995 quando divenni Presidente della Provincia di Verona il mio primo atto fu la riduzione da cinque ad una delle automobili di servizio ed il trasferimento degli autisti ad altra attività. Dal sito www.contribuenti.it si apprende che l’Italia “detiene l'assurdo primato del maggior numero di auto di rappresentanza. Nel 2009 il parco delle auto blu sarebbe cresciuto del 3,1%, passando da 607.918 a 626.760 unità. E nel primo trimestre del 2010 il trend positivo non si è fermato: +0,6 punti percentuali, 629.120 auto blu! In barba alla legge che fin dal 1991 limita l'uso esclusivo delle auto blu ai soli Ministri, Sottosegretari e ad alcuni Direttori generali.” Non sono in grado di dire se questi dati siano veri così mi è difficile giudicare se sia realistico il calcolo che qualcuno ha fatto del costo di un tale apparato: 18,93 miliardi di euro l'anno. La cifra è talmente elevata che il dubbio è lecito. Qualche tecnico ha calcolato semplicemente un costo di gestione di ciascuna auto in 30 mila euro l'anno, moltiplicandolo per il numero delle vetture pubbliche. E’ possibile che questa cifra sia non rispondente alla realtà. E’ anche possibile che una parte delle 626.760 automobili siano ferme per vetustà. E’ infine possibile che non tutte abbiano un autista dedicato e che quindi il costo medio annua sia inferiore. Vogliamo dire che le auto in esercizio effettivo siano 500 mila e che il costo annuo sia solo un terzo di quello calcolato, cioè 10.000 euro: ne risulta comunque un costo di 5 miliardi di euro. Ed allora vale la pena di provarci. Un metodo c’è e proporrò che entri nella contromanovra di Italia dei Valori. Blocco immediato delle auto blu, salvo 10 per la Presidenza del consiglio, per ogni ministero con portafoglio, per i Comuni con più di 1 milione di abitanti, 5 per i Ministeri senza portafoglio, per i Comuni con più di 500 mila abitanti, per le Regioni, 2 per i Comuni con più di 250 mila abitanti e per le Province Autonome, 1 per i comuni con più di 100 mila abitanti e le province. Divieto assoluto di noleggio di auto con autista da parte di ogni entità pubblica. Obbligo di mettere in vendita con gara tutte le auto blu non indicate nel numeri sopra riportati. Quando penso che in Gran Bretagna da ora in avanti "nessun ministro avrà un'auto dedicata o un autista", se non in casi eccezionali. Lo ha deciso il nuovo governo che, sia per questione di soldi che di stile, ha annunciato che obbligherà ministri e sottosegretari ad andare al lavoro a piedi o con i mezzi pubblici. Quando si chiedono nuovi sacrifici ai cittadini è obbligatorio porre fine a vergogne come questa. Noi vogliamo provarci!

Commenti   

#11 Mario 2010-06-10 21:33
on. Borghesi sono ormai decenni che gli argomenti sono sempre gli stessi lotta all'evasione lotta agli sprechi delle spese pubbliche ( diminuiamo drasticamente le auto blù )lotta all'evasione fiscale, riformiamo di qua riformiamo di la ma rimangono purtroppo solo tante belle parole! Gli Italiani sono giunti ad un livello di sfiducia che non crede più a nessuno di Voi
e questo secondo il mio modesto parere il motivo è che al governo ci sono sempre e solo i soliti personaggi.
#10 TORTORELLI 2010-06-03 02:01
La ringrazio della risposta(caso più unico che raro) e approfitto della Sua disponibilità per rinnovarLe l'invito ad approfondire la questione dei costi con Rizzo e Stella che nel loro libro hanno spulciato nelle pieghe dell'apparato statale e potrebbero darLe quelle informazioni utili che la metterebbero al riparo dall'evenienza di fare affermazioni inesatte. Certamente non sarebbe gradevole sentirsi ribattere alla Camera,che le Sue argomentazioni sono campate in aria(ne và della Sua dignità!),per cui apprezzo la Sua prudenza ma Le ripeto,approfondisca la materia perchè le cifre da mettere sul tavolo sono rilevanti per l'economia del Paese e di chi soffre, oltre che per l'impatto politico conseguente!
La saluto cordialmente e Le auguro buon lavoro.
#9 Antonio Borghesi 2010-06-03 01:28
Quando parlo di auto blu da eliminare mi riferisco solo alle autovetture di rappresetnanza con autista.
E' evidente che il problema non riguarda l'uso di automobili guidate direttamente dai dipendenti per motivi di servizio.
Ho preferito grande prudenza e per questo ho considerato un risparmio di solo 5 miliardi di euro all'anno. Per lo stesso motivo non ho conteggiato il ricavato della vendita delle auto bloccate.
Quanto agli autisti possono essre destinati ad altri incarichi.

Antonio Borghesi
#8 TORTORELLI 2010-06-02 19:14
continuo dal precedente post:
avremmo subito a disposizione 19miliardi per i prossimi 2 anni per poi andare a regime con 38miliardi consolidati.Credo che nella Sua proposta, dove Lei considera 5miliardi di risparmio dalle auto blu,si riferisca solo alle spese di gestione e non ha considerato il valore del parco auto che sono per la maggior parte di proprietà)e il costo degli autisti che presuppongo siano dipendenti(ma su questo non ho riscontri).Ora passo la palla a Lei che ha i titoli per verificare se i miei calcoli sono frutto di pura "finanza creativa", o se c'è del vero.
Credo che Stella e Rizzo potranno fornirLe dettagli più precisi ed aiutarLa a migliorare ulteriormente la Sua controproposta attirandosi il plauso della popolazione tutta,compresa quella che ha solo "papi"nel cervello!
Auguri e buon lavoro.
#7 TORTORELLI 2010-06-02 03:38
A riguardo della contromanovra di cui Lei è estensore e che condivido nel metodo e nel merito,vorrei farle presente che anch'io mi sono interrogato a riguardo dell'uso sproporzionato delle auto blu e ho cercato di fare qualche calcolo che sottopongo alla sua attenzione.Come sappiamo,esse ammontano a circa 630.000.Se eliminassimo 500.000 di queste e le vendessimo,diciamo una cifra media irrisoria, 20.000€ l'una,incasseremmo nel giro di pochi mesi 10miliardi.Abbiamo, poi,500.000 autisti che presumibilmente costano al lordo circa 50.000€ l'anno per un costo di 25miliardi.Sommando a queste spese quelle di manutenzione,di assicurazione,bollo e carburante che stimo intorno ai 3miliardi,avremmo un risparmio di 38miliardi circa! C'è però da considerare la liquidazione degli autisti che ammonterebbe,basandomi sulle cifre precedentemente enunciate e considerando un'anzianità di servizio media di 15 anni,a circa 38miliardi lordi.Questa cifra potrebbe essere diluita in due anni o offrire agli autisti il patentitno come taxista con uno sconto da definire avendo il duplice effetto di assicurare un lavoro,incrementare l'offerta e calmierare i prezzi esosi che si praticano in Italia e risparmiare sulla liquidazione.Nell'ipotesi della sola diluizione in due anni della liquidazione,avremmo subito a disposizione:
#6 mtdbo67 2010-06-01 16:23
pur essendo dell'IDV questa volta non sono d'accordo. Nella categoria auto blu entrano anche auto di servizio che nulla hanno a che fare con la politica e Lei come docente universitario dovrebbe saperlo. Le faccio un esempio: io ho a disposizione (pagata da me con fondi di ricerca europei) una Panda vecchia di parecchi anni. Viene usata dal personale (dottorandi, assegnisti, tecnici) per raggiungere sperimentazioni in luoghi lontani dalla sede di servizio. Senza quell'auto, che dovrei cambiare ma che sempre una leggiaccia dello stato non mi consente di cambiare, non potrei portare avanti le ricerche per cui ho finanziamenti.
Altro esempio, qualche tempo fa sempre per questioni legislative astruse un componente dei carabinieri, in particolare i mitici RIS, raccontava che non poteva fare sopraluoghi sulla scena del crimine con le auto di servizio e doveva andarci con la sua.
Il servizio che dovrebbe fare l'IDV è spiegare le scemate scritte dal governo, non metterci il carico! :sad:
#5 sandros 2010-05-31 16:04
Avevo circa 15 anni quando ho sentito parlare di limitazioni sulle auto blu, ora ne ho 60 e vedo, nonostante le denunce negli anni, dei numeri sconvolgenti, specialmente in un momento di crisi ove vengono chiesti sacrifici a che guadagna quattro soldi.
Ma quello a cui assistiamo è sempre e solo denuncia, le mani non ci si mettono mai.
#4 Achille49 2010-05-31 13:37
Fate solo piangere e soprattutto arrabbiare Voi di Italia dei Disvalori.
Quando eravate al potere e potevate attuare queste proposte ve ne siete ben guardati dal proporle e dall'attuarle.
Personalmente qualche anno fa ho scritto al Vostro illustre presidente in merito alla questione . Ha risposto che aveva altri problemi più urgenti da affrontare. Ora che siete all'opposizione proponete che gli altri facciano quello che Voi non avete fatto.
Cominciate col rinunciare ai Vostri stipendi e ai Vostri privilegi assurdi dal momento che poco o niente riuscite a fare e a proporre nella situazione in cui solo per vostra causa vi siete trovati.
Ai fatti crede la Gente seria e non a inutili e sterili proposte.
Achille Ing. Loro
#3 antonio dal tio 2010-05-31 11:42
egregio Antonio Borghesi, premetto, ho votato per IdV. Mi stanno bene tutte le denunce che fate, certo ed è inutile girarci intorno, ogni notizia è uno scandalo, una violenza della CASTA. Ma la denuncia fine a se stessa è pura frustrazione. Anche Lei gode dei benefici e privilegi propri della casta. I compensi che percepisce in quanto parlamentare sono forse diversi per entità dai suoi pari? Per me cittadino questo è un problema che potrebbe indurmi a non votare alle prossime elezioni. Cerchiamo di capirci, un popolo di coglioni starnazza su questa finanziaria da 24 mld, alla \'ndo cojo cojo, senza incidere nella struttura degli eventi di natura politico-amministrativa che li genera, tutti i politici \'responsabili\' parlano di lacrime e sangue; coglioni, mi si passi il termine che nasce da interventi nelle TV dei protagonisti, quanto un bondi o gasparri di turno; tutti sembrano ignorare che per azzerare il problema servono 75 di queste finanziarie, salvo non aver rimosso le cause che lo generano. Semplificando, sembriamo una famiglia con un tossicodipendente in casa che non vuol prendere coscienza delle decisioni dure e risolutive che devono essere prese, pena il naufragio di tutta la famiglia. Dunque, inizi o iniziate a dare segnali nel ridimensionamento concreto dei vostri costi e privilegi. Io se vuole e me lo chiede posso pubblicare la mia dichiarazione dei redditi, Lei pubblichi tutto ciò che è costo politico della sua vita quotidiana, spesa per spesa, privilegio per privilegio, lo scandalo può iniziare da constatazione e comferma di costi; non la prenda come una provocazione, se scrivo e penso così è per la necessità civile di essere rappresentato politicamente o almeno cercare di esserlo. Ora Le dico una cosa banale, anche buffa, forse tutto dipende dalla mia origine contadina; le immagini che pubblica, alcune, sarà per il suo abbigliamento e la mia ignoranza, La rendono, come dire, troppo mondano, un pò alla porporato, se vuole. Un saluto Toto
#2 Fagone 2010-05-31 09:15
Il numero così elevato di auto blu sono una delle tante "schifezze" in Italia. Noi, poveri mortai cittadini, dobbiamo fare salti mortali per vivere con il necessario e le caste d Italia consumano anche quello che non c'è. Mi chiedo: fino a quando? Inoltre, se potessi, vorrei controllare a chi vengono addebitate tutte le persone delle forze dell'ordine che sono abitualmente a guardia all'esterno delle abitazioni di qualche grande politico(tanto per intenderci). Tento di indovinare? Paga lo Stato, cioè noi tutti; al contrario dovrebbero essere costi personali e non gravare sulle spalle altrui. Anche lì ci sono risparmi da fare!

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.