Ieri ho partecipato alla trasmissione televisiva di Rai News, “Montecitorio”, dove si è parlato del patto di Arcore tra Berlusconi e Bossi, dell’esito dell’Esecutivo Nazionale di Italia dei Valori, concluso pochi minuti prima, delle allenze nel centro sinistra e dei referendum. Nel video potete trovare le mie risposte.

Ed ora seppelliamolo sotto una valanga di SI, affoghiamolo in un mare di SI, copriamolo con una montagna di SI. Il popolo italiano scriva la parola “Fine” al “berlusconismo” come modello di gestione del potere e come modello di vita del nostro Paese.

Dopo la botta del “primo turno”, dopo il colpo dei “ballottaggi”, assestiamo il colpo di grazia ad un governo “morituro” e ad un Presidente del Consiglio sul quale finalmente gli Italiani hanno aperto gli occhi.

Berlusconi non potrà reggere ad una “tripletta” del genere e meno che meno potranno reggere personaggi squallidi come i cosiddetti “Responsabili”, a partire da “tutti gli Scilipoti del mondo” di cui quel gruppo è pieno. La maggioranza si sfalderà come neve al sole.

Anche oggi in Afghanistan l'ennesimo attacco nel corso del quale 5 militari italiani sono stati feriti, di cui uno gravemente. Tra gli afghani vi sono stati 4 morti ed una ventina di feriti. Si è trattato di un attacco suicida con un'auto carica di esplosivo. Antonio Di Pietro ha dichiarato «Ogni giorno un sacrificio di vittime e feriti per portare avanti una guerra che non ci appartiene e non fa bene a nessuno. Con la violenza non si risolve nulla, occorre programmare un'azione politico-diplomatica che cominci con il ritiro delle nostre truppe».

Oggi ho effettuato, per conto di Italia dei Valori, la dichiarazione di voto sulla "fiducia" al governo Berlusconi. Ho intitolato il mio intervento: Governo delle balle con un Presidente delle balle.