Giovedì scorso ho presentato al governo una interpellanza urgente per conoscere cosa intendesse fare per obbligazionisti e azionisti Alitalia, per lo più piccoli risparmiatori, spesso dipendenti ed ex dipendenti della società, che hanno creduto in una società di proprietà dello Stato e che oggi vedono a rischio i risparmi investiti.

Per gli obbligazionisti è previsto un rimborso di una cifra che, in termini reali, si aggira sul 20/30% del loro prestito. Per gli azionisti andrà anche peggio: una ipotetica quanto incerta partecipazione ad un fondo creato con i cosiddetti “conti dormienti”, che il governo ha utilizzato come un bancomat per far fronte a svariate esigenze, dai possessori di obbligazioni della Repubblica argentina, alla ricerca scientifica e persino per la social card. Tutto ciò ancora una volta in pieno contrasto con le pubbliche affermazioni del Presidente del Consiglio Berlusconi che aveva dichiarato “ che non saranno abbandonati i piccoli risparmiatori che in Alitalia hanno creduto investendo in titoli azionari ed obbligazionari”. Come potete seguire direttamente sul video il governo non risponde. Per questo mi sono dichiarato del tutto insoddisfatto e detto che “siamo di fronte ad una truffa dello Stato ai danni dei creditori di Alitalia e, all'interno dei creditori, a danno dei risparmiatori, degli azionisti e degli obbligazionisti”. Ciò in quanto “con consapevolezza questo Governo ha creato una bad company, dove ha messo tutti i debiti e tutte le passività, per cedere la parte positiva a pochi azionisti, spesso molto chiacchierati, per salvare un azionista come quello di Air One, Toto, molto vicino al Governo e molto vicino al Presidente del Consiglio, che si trovava in gravissima difficoltà e che, tra l'altro, aveva una piccola medaglia anche lui, come altri azionisti della CAI, cioè quella di essere stato condannato per corruzione.” “Quindi, si tratta di creditori che sono stati truffati due volte: in primo luogo, sono stati truffati in quanto contribuenti, perché questa vicenda costerà ai contribuenti italiani qualcosa come tre o quattro miliardi di euro”…….e, in secondo luogo…..perdendo di fatto il frutto dei loro risparmi, spesso conseguiti e realizzati in anni di attività”.

Commenti   

#3 Antonio Borghesi 2009-06-27 18:03
Ritengo doveroso precisare che gli obbligazionisti Alitalia non riceveranno il 70% del capitale nominale investito, ma il 70% del corso medio di borsa nell'ultimo mese prima dela sospensione. Ciò significa che percepiranno realmente circa il 40% e, si badi bene, lo riceveranno non in denaro ma in titoli che saranno liquidabili tra 3 anni. L'inflazione potrebbe dunque portarsi via un altro 10%. Alla fine quindi otterranno circa un terzo di ciò che avevano investito.
Antonio Borghesi
#2 lormar2 2009-06-27 17:07
Convengo con genpesca che 71% di rimborso confrontato con altri casi quali i tango bond argentini non è male ( spero che non vi sia come in quel caso qualcuno che inviti improvvidamente rifiutare.) Circa le azioni visto il concetto stesso di azione questo del 50 % è un regalo a fortiori . Certo ci vorrebbe educazion al rischio (fin dalla scuola).Credere poi in un mentitore come Tremonti e il suo erotomane capo è come credere a Babbo Natale che però non fa danni Pienamnete d'accordo che il salvataggio Alitalia è stato congegnato in primies per salvare Toto e Air one ; pochi giornali hanno dato risalto a tempeo debito ..non so IDV . Saluti Lormar
#1 giopesca 2009-06-26 22:03
Se permette , non sono assolutamente d'accordo , il governo oggi con decreto ha risarcito con il 71% gli obbligazionisti che avevano prestato denaro ad una azienda in dissesto finanziario da sempre, ha risarcito con il 50% gli azionisti (cosa ancora più vergognosa) che hanno partecipato con capitale di rischio.
Osservazione: a noi risparmiatori con obbligazioni Lehman Brothers, titoli con rating affidabili quanto lo Stato italiano, non è stao concesso nulla!

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.