Ho partecipato a Tgcom24 ed ho discusso su alcuni temi caldi.
Bossi a Monti. Terrorismo. Fisco.Primarie di Palermo.Marò.
Il presidente della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti, Luciano Pagliaro, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario descrive come un male endemico la pratica delle consulenze facili. Aumentano il numero delle citazioni nei confronti di funzionari e dirigenti di enti pubblici per l'esternalizzazione ingiustificata di numerosi incarichi. Secondo la Corte sarebbe di circa 2 miliardi di euro all'anno la spesa per le consulenze e degli incarichi decisi da sindaci, presidenti di Provincia e di Regione, responsabili di aziende sanitarie e università, con un numero di professionisti coinvolti pari a circa 250mila. Il dato, reso noto dalla Corte, è stato calcolato dal Ministero dell’Innovazione e documenta come vi sia una grande quantità di incarichi affidati a persone prive dei requisiti professionali che sarebbero richiesti e senza previa verifica dell'esistenza di professionalità interne agli enti".
Ne volete qualche esempio eclatante, emergente dai giudizi in corso, che rappresentano solo la punta di un iceberg con una base molto più estesa?

Giovedì scorso su Tgcom24 ho espresso i punto di vista mio e di Idv su alcune delle questioni sul tappeto. In particolare sui redditi dei ministri, sul fisco, sull'anagrafe patrimoniale dei politici, sulla tassazione dei beni della Chiesa, sulla legge elettorale.

Ieri sono intervenuto in diretta a Tgcom24 per commentare i fatti del giorno ed in particolare i problemi legati alla lotta alla corruzione, che la Corte dei Conti ha definito dilagante nel nostro Paese. Si è poi discusso di giustizia e di lotta all’evasione fiscale. Nel corso del dibattito ho anche avanzato la proposta di individuare forme di contrasto d’interessi tra il consumatore e colui che gli dà la prestazione, attraverso la detrazione della spesa dal reddito, in sede di dichiarazione annuale. Abbiamo infine parlato della decisione del governo di assoggettare all’imposta sugli immobili (IMU) anche i beni della Chiesa.