Il Paese è allo stremo? Non ci sono più soldi e si preparano manovre “lacrime e sangue”? A lorsignori non interessa. Nel maxiemendamento alla legge di stabilità, quella che saremo costretti a far passare sabato, c’è la solita polpetta avvelenata. Il rifinanziamento della legge “mancia” per 150 milioni di euro.

Come tutti ricorderanno si tratta di quella legge che Idv era riuscita a far abrogare durante il governo Prodi, con la quale si distribuiscono soldi, sulla base dell’indicazione dei singoli parlamentari, ad inziative assolutamente clientelari, vere e proprie “marchette” per mantenere o prendere un po’ di voti sul territorio.
Durante il governo Berlusconi la pratica vergognosa è stata ripresa e sono così stati distribuiti circa 250 milioni di euro, finiti in piccoli rivoli destinati a modesti interventi (anche 10 o 20 mila euro) di specifico interesse di qualche deputato.
Noi di Italia dei Valori ci siamo rifiutati finora di partecipare all’immondo banchetto ed abbiamo destinato la quota di nostra competenza (qualche milione di euro) ad “ammortamento” (cioè riduzione) del debito pubblico.
Quello che fa venire il voltastomaco però è che si sia approfittato della gravissima situazione del Paese e del fatto che il maxi-emendamento non si potrà toccare, per infilarci l’ennesima “porcata”, alla faccia della sofferenza di tanti italiani.
Ma davvero c’è qualcuno che pensa che questa stessa gente possa poi sostenere lealmente il governo tecnico che si appresta a fare Monti?
Per questo noi abbiamo tante riserve ad appoggiarlo!

Commenti   

#5 belluco.s 2011-11-13 22:14
Buonasera, sono scettica nei confronti del governo tecnico, a me sembra che dottori e professori di un certo spessore siano più vicini al mondo di "Silvio" che a quello dei comuni mortali, lavoratori e pensionati; per questo avrei preferito il voto subito, anche senza nuova legge elettorale: siamo sicuri che verrà fatta? La nomina a senatore a vita con tutti i conseguenti privilegi era proprio un atto dovuto? Chissà che, almeno, conoscendone i privilegi, ne tolga un bel po' e risparmi la "mannaia" sui soliti, ma forse resterà un sogno.
#4 angelo bonaldi 2011-11-11 16:50
... e fate bene a non volere Monti quello che è stato nominato senatore a vita. in tempo di crisi e di lotta alla casta, altro privilegio, altro vitalizio. bell'esempio che ci viene dal capo della stato.
#3 OscarOscar 2011-11-11 16:11
Grazie al solito delle sue preziose informazioni.
Le debbo dire
però che la posizione del votare subito, sempre che Lui si dimetta, significherebbe due mesi di campagna elettorale dello stampo delle ultime , anzi peggio;
anche perché , cosa pessima, andremmo a votare col porcellum e onestamente non so se il mio senso civico avrebbe anche stavolta il sopravvento... E so di non essere il solo a pensarla così, anzi.
#2 Gio 2011-11-11 10:25
Alla fine non sono tantissimi soldi. Se ogni partito o politico ne facesse uso intelligente ed onesto è un'idea che avvicina i politici alla gente che chiede qualcosa a favore di una realtà locale e là ottiene perché il politico di riferimento ha un piccolo budget. Ma purtroppo è innegabile che siano pratiche che aumentano i voti clientelari che sono là rovina del paese. E credo che il clientelismo sia una delle chiavi sia del debito,sia della paralisi della politica in italia. Però se ci fosse onestà si potrebbe accettare un simile provvedimento.
#1 piermacrini 2011-11-11 08:49
Non la stessa gente...ma quelli che come Lei, di Idee Nuove, le quali i l'attuale politica ha bisogno! Grazie della otizia, anche se infausta, ma che altrimenti certe sfumature, non sareb bero messe in audience!

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.