Qualche volta la denuncia funziona! Su questo blog avevo dato conto dell’interrogazione, a prima firma Di Pietro, da me presentate al Ministro Brunetta(Giacalone: Berlusconi riunisca il governo a San Vittore o a Rebibbia! http://www.antonioborghesi.it/index.php?option=com_content&task=view&id=222&Itemid=1 ) . Vista la risposta del Ministro temevamo che comunque il governo sarebbe andato avanti con la sua decisione. Ma evidentemente le nostre proteste, raccolte poi anche da altri, hanno lasciato il segno. Per un paio di mesi, la nomina di Giacalone è rimasta in sospeso, pare per riserve e perplessità sollevate o dal Presidente della Repubblica, che avrebbe dovuto controfirmare il decreto approvato dal consiglio dei ministri, o dalla Corte dei conti, chiamata alla registrazione, che avrebbe avanzato dubbi sui requisiti professionali di Giacalone. Infatti il decreto 177/2009, che istituisce DigitiPa, prevedeva che il presidente fosse scelto tra «persone di alta qualificazione tecnica e manageriale, con profonda conoscenza in materia di innovazione tecnologica comprovata da competenze in ambito scientifico e da esperienza di gestione di ente o strutture complesse». Risulterebbe al riguardo che Giacalone non sia neppure laureato. Appare pertanto risibile la dichiarazione del neo sottosegretario D’Augello, secondo il quale vi sarebbe stata l'indisponibilità ad assumere l'incarico da parte dello stesso Giacalone. Così commissario di DigitPa è stato nominato Fabio Pistella, presidente uscente Cnipa, ex presidente Cnr e già impegnato come vicecommissario all'Aran, l'agenzia per la contrattazione nel pubblico impiego Morale della favola: qualche volta le proteste servono!

Commenti   

#2 cipolla 2010-05-31 22:06
#1 Fagone 2010-03-29 11:32
Egr. Onorevole, grazie per la Sue informative.
Adesso si apre, secondo me, un interrogativo: quanti manager o funzionari di Enti pubblici possiedono i requisiti che i posti occupati richiederebbero? Credo, e lo sperimento su me stesso, che manager con background serio, onesto, valido, fatichino molto a trovare incarichi; mentre altri "simpatici" a questo o a quello occupano posti che altrimenti non competerebbero.
Spero in un'inversione di rotta, soprattutto per il sistema Paese.
Con stima.

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il login o registrati.